Lavori pubblici, la Sardegna istituisce il Collegio Consultivo Tecnico


<![CDATA[

24/06/2021 – La Regione Sardegna istituisce la commissione tecnica che si occuperà della gestione degli appalti per lavori pubblici in caso di controversie tra impresa e stazione appaltante. Si tratta del Collegio Consultivo Tecnico previsto dal Governo.
 
Il Decreto Semplificazioni prevede, infatti, l’obbligo per i contratti il cui importo a base di gara sia pari o superiore alla soglia comunitaria – in corso di esecuzione o la cui esecuzione sia iniziata a partire dalla data di entrata in vigore del decreto – di nominare un Collegio Consultivo Tecnico con funzioni di assistenza per la rapida risoluzione delle controversie o delle dispute tecniche che potrebbero insorgere nel corso dell'esecuzione del contratto. 
 
“Diamo vita a uno strumento utile per accelerare qua…Continua a leggere su Edilportale.com

]]>
Fonte: EdilPortale
Articolo Completo: Lavori pubblici, la Sardegna istituisce il Collegio Consultivo Tecnico

ISA, come funziona l’esclusione


<![CDATA[

24/06/2021 – L’emergenza Covid-19 ha messo a dura prova le imprese e i professionisti, che nel 2020 hanno registrato notevoli perdite economiche. Tra le misure di sostegno messe a punto per tenere conto della crisi c’è la rimodulazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA).
 
Date le modifiche introdotte, i contribuenti in alcuni casi chiedono delucidazioni al Fisco. Un contribuente si è infatti rivolto all’Agenzia delle Entrate perché, avendo registrato nel 2020 un calo del 40% nel fatturato, intendeva sapere se potesse essere escluso dall’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale.

 

ISA: le nuove cause di esclusione
L’Agenzia delle Entrate ha risposto che per il periodo di imposta 2020 gli ISA son…Continua a leggere su Edilportale.com

]]>
Fonte: EdilPortale
Articolo Completo: ISA, come funziona l’esclusione

Abusi edilizi, a quanto ammonta la multa alternativa alla demolizione?


<![CDATA[

24/06/2021 – Gli abusi edilizi devono sempre essere demoliti per ripristinare la legalità. In molti casi, però, gli abusi sono talmente integrati nella costruzione che la loro demolizione comporterebbe un danno anche alle parti realizzate in modo legittimo. Il Comune allora impone una multa alternativa alla demolizione.
 
La qualificazione della multa può creare dei problemi. Da una parte il Testo Unico dell’edilizia, che fissa le regole per determinare la sanzione, dall’altra il potere discrezionale del Comune e l’aggiornamento del valore degli immobili.
 
Con la sentenza 4463/2021, il Consiglio di Stato ha spiegato come deve essere quantificata correttamente la sanzione. Un modo per evitare sia l’arricchimento senza giusta ca…Continua a leggere su Edilportale.com

]]>
Fonte: EdilPortale
Articolo Completo: Abusi edilizi, a quanto ammonta la multa alternativa alla demolizione?

Equo compenso, ProfessionItaliane: ‘nei prossimi anni rischio di distorsioni per i professionisti’


<![CDATA[

24/06/2021 – “Esiste il rischio concreto che la fase di ripresa economica prevista per i prossimi anni esponga i liberi professionisti a distorsioni sui loro compensi. Dunque, è necessario aggiornare e completare le norme sull’equo compenso introdotte ormai nel 2017”.
 
Lo ha affermato ProfessionItaliane, l’associazione che riunisce le rappresentanze che aderiscono al Comitato Unitario Professioni (CUP) e alla Rete delle Professioni Tecniche (RPT).
 
ProfessionItaliane ha accolto con favore la ripresa dell’esame delle proposte legislative sull’equo compenso: “in ciascuna di esse ci sono spunti determinanti al fine di giungere ad una ridefinizione della normativa sull’equo compenso per i liberi professionist…Continua a leggere su Edilportale.com

]]>
Fonte: EdilPortale
Articolo Completo: Equo compenso, ProfessionItaliane: ‘nei prossimi anni rischio di distorsioni per i professionisti’

Micropali e resine espandenti: soluzioni di consolidamento per terreni e fondazioni


<![CDATA[

24/06/2021 – Inclinazione, abbassamento, cedimento, fessurazione del pavimento e/o formazione di evidenti crepe in facciata sono sintomi di un possibile cedimento delle fondazioni.
 
La realizzazione di interventi, come ampliamenti o sopraelevazioni, richiede un rinforzo strutturale delle strutture sottostanti a partire dalle fondazioni. Come si interviene?
 
In questo focus analizzeremo due soluzioni: Micropali e Iniezioni di resine espandenti. Per farlo, abbiamo realizzato una doppia intervista coinvolgendo due aziende altamente specializzate nel settore del consolidamento di terreni e opere di fondazione, SYSstab e GEOSEC®.
 
SYSstab e GEOSEC® propongono entrambe le soluzioni ma nello specifico abbiamo chiesto a SYSta…Continua a leggere su Edilportale.com

]]>
Fonte: EdilPortale
Articolo Completo: Micropali e resine espandenti: soluzioni di consolidamento per terreni e fondazioni